Giorgio Spizzichino: la promessa che bussa alla porta del grande calcio

giorgio-spizzichino

Un passato lontano

Un gol voluto dal destino, quello che nella vita di Giorgio Spizzichino ha bussato già due volte. Il ragazzo, classe 1999, della Primavera della Lazio nel 2006, quando aveva 7 anni, incontrò per strada Simone Inzaghi, all’epoca giocatore della Lazio, e si fece firmare un autografo. Quel pezzo di carta Giorgio lo ha incorniciato e appeso sopra il letto. Ancora oggi è ben saldo sul muro di camera sua. Nel maggio scorso, a 11 anni da quell’episodio, Inzaghi, a Crotone, lo ha fatto esordire in Serie A. Il destino, però, ha ribussato venerdì: al termine di una settimana ricca di polemiche per l’ignobile adesivo di Anna Frank ritratta con la maglia della Roma, proprio lui che ha un cognome ebraico ha segnato il gol che ha permesso alla Lazio Primavera di battere la Juventus a Torino. Era un cross, ma è finito in porta. Doveva segnare. Il destino voleva così. Il papà, Fabrizio, è ebreo; la mamma, Barbara, è invece cattolica. Giorgio, classe 1999, è cresciuto in una famiglia dalla mentalità molto aperta e che ha da sempre amici di entrambi i credo, è quindi stato colpito da quanto successo. Questo tipo di insulti non li concepisce, lui vuole si parli di calcio: di lui e della Lazio. Anche perché Giorgio è da sempre tifoso laziale, benché in famiglia siano tutti simpatizzanti romanisti.

La storia

Nessuno però è mai stato particolarmente interessato al calcio: Spizzichino da piccolo era iscritto alla scuola tennis, e all’Olimpico aveva messo piede solo nel 2011, per vedere correre Bolt. Nel 2014 la sua prima volta con la Lazio: insieme alla cugina andò a vedere la squadra che arrivò terza con Pioli. Un anno dopo la grande chiamata: dalla Nuova Tor Tre Teste, Giorgio passò agli Allievi Nazionali biancocelesti. Il rapporto con Inzaghi è molto forte: il tecnico all’epoca guidava la Primavera, e spesso lo faceva allenare con i più grandi. L’empatia fra i due è notevole, anche perché Giorgio prima era fan di Inzaghi ma, ora che lo conosce, lo stima ancor di più: tecnicamente e umanamente. L’anno scorso, quando da ala si è trasformato in terzino destro, la prima panchina con la prima squadra (nel derby di Coppa Italia vinto 2-0), e poi l’esordio. Caparbio com’è, però, era scontato che Spizzichino sarebbe riuscito a sfondare: le cose lui vuole farle per bene. Iscritto al liceo scientifico, quest’anno sosterrà la maturità, e da sempre, in trasferta, si porta il libro di filosofia per ripassare. I compagni per questo lo prendono un po’ in giro, ma lui va dritto per la sua strada. In attesa che il destino bussi ancora.

Leave a Response