José Luis Chilavert: quando il portiere sa anche fare gol

chilavert-punizione

Tutte le reti di una carriera gloriosa

Se ce l’avessero detto, probabilmente non ci avremmo creduto, e invece le prove fotografiche vanno a confermare il tutto, e renderci partecipi dell’incredibile cambiamento fisico di Josè Luis Chilavert, il portiere-goleador che ha illuminato gli anni ’90 (e l’inizio degli anni Duemila) a suon di gol su punizione e rigore. Per la precisione, 67 reti in 24 anni di gloriosa carriera, terminata nel 2004 e spesa non solo nel continente sudamericano: una carriera partita prestissimo per il classe ’65, che aveva esordito a soli 15 anni tra i pali dello Sportivo Luqueño, il club della sua città, portato grazie alle sue parate fino al 2° posto in campionato e alla partecipazione alla Copa Libertadores 1984. Un risultato che porterà anche all’addio di Chilavert, che allora non era ancora il portiere-goleador ricordato da tutti: la sua epopea a suon di gol, infatti, inizierà solo nel 1989, col primo rigore segnato con la maglia dell’Albirroja paraguaiana (in quegli anni, Chilavert giocava nel Real Saragozza, dopo le parentesi con Guaranì e San Lorenzo), e fino al 1994 resterà confinata proprio ai tiri dal dischetto.

Il primo portiere della storia a segnare su punizione

Sarà l’esperienza col Velez, iniziata alla fine del 1991, a segnare per sempre la sua carriera: se infatti sino ad allora Chilavert era un ottimo portiere che si dilettava coi rigori, nelle fila del club di Liniers e soprattutto dal 1994 in poi (anno in cui vincerà Libertadores e Coppa Intercontinentale col Velez), diventerà un’autentica sentenza per tutti i ”colleghi” nel ruolo. Chilavert infatti, dopo un lungo studio in allenamento, inizierà a tirare i calci di punizione, trasformandosi in un vero e proprio esperto: sarà lui il primo portiere nella storia del calcio a segnare con una punizione, il 2 ottobre 1994, e sarà anche il primo estremo difensore a realizzare una tripletta nel 6-1 tra Velez e Ferro Carril Oeste. Una tripletta arrivata in modo insolito, con tre rigori, che va a spiccare nei 36 (!) gol realizzati con la maglia del Fortin, che gli valgono tuttora il record di miglior portiere-goleador della Primera Division. E proprio col Velez, dopo le parentesi con Strasburgo e Peñarol, Chilavert ha chiuso la sua carriera nel 2004, con l’invidiabile cifra di 67 reti, 8 delle quali arrivate con la maglia del Paraguay: con l’Albirroja, Chilavert ha anche giocato nei Mondiali 1998 e 2002, mostrando tutto il suo ”caratterino” sia nella rissa con Asprilla, che nello sputo a Roberto Carlos (che aveva apostrofato i compagni del Chila come ”indios”), che gli è costato 4 giornate di stop scontate anche in Giappone e Corea.

Leave a Response