Leonardo Candellone: è soltanto questione di tempo prima di vederlo esplodere

leonardo-candellone

Sicura affidabilità

Ha da poco compiuto 19 anni Leonardo Candellone, un prodotto della scuola Toro forse tra i meno celebrati, ma degno della massima attenzione per quanto fatto nell’ultimo anno e mezzo. L’attaccante classe 1997, oggi in prestito al Gubbio, si sta ritagliando uno spazio importante in Lega Pro, alla sua prima avventura da professionista, dopo un’ultima stagione nella Primavera del Torino da vero primattore. Prelevato dal Torino in tenerissima età dal Pertusa Biglieri, è dalla stagione 2014-2015 che Candellone ha inizato a spiccare il volo: ossia da quando, aggregato alla Berretti di Dario Migliaccio, fece capire in breve tempo a Moreno Longo di essere pronto fin da subito per la Primavera. Promosso a gennaio 2015 nella squadra che poi a fine stagione si sarebbe laureata Campione d’Italia, Candellone si è rivelato un esterno d’attacco bravo a coniugare doti fisiche importanti con qualità tecniche assolutamente non disprezzabili. Nella stagione 2015-2016, confermato da Longo per essere un valore aggiunto della Primavera, non ha tradito le attese: con 39 presenze totali e 14 reti è stato il primo marcatore della squadra e uno dei leader del gruppo. Da segnalare anche una convocazione in Prima Squadra, con Ventura, per il Roma-Torino dello scorso aprile. Una volta arrivata l’estate 2016, è stato il momento di spiccare il salto tra i professionisti. La meta scelta è stata Gubbio: società che, dopo i fasti della Serie B di qualche anno fa, è oggi neopromossa dalla Serie D, con ambizione di disputare un campionato tranquillo.

Uno step per la crescita

Un posto ideale per crescere, e Candellone sta sfruttando bene l’occasione. Ha convinto il tecnico Giuseppe Magi fin dal ritiro precampionato, con una doppietta allo Spezia in amichevole; nelle sei gare ufficiali (due di Coppa Italia, quattro di Lega Pro) ha giocato sempre titolare, trovando anche la prima rete. Alla fine di questa stagione, il Torino potrebbe ritrovarsi un ottimo giocatore, degno del calcio professionistico, tre la mani. Una cosa è certa, Candellone andrà monitorato per tutta la stagione. Atteso a giorni, quindi, l’accordo con il Torino sulla base di un contratto sino al 2020: poi, subito dopo e forte della nuova posizione, l’attaccante partirà per un nuovo prestito ma con ogni probabilità la destinazione non sarà nello stesso campionato con il quale si è appena confrontato. Dopo l’esperienza in Lega Pro con la formula del prestito con vincolo di addestramento, infatti, Candellone sembra adesso essere destinato ad un altro importante passo e dunque alla Serie B; come detto le prestazioni offerte nel corso dell’annata non sono rimaste inosservate, ed al momento sono cinque i club maggiormente interessati ad accaparrarsi l’attaccante per la prossima stagione: Novara, Brescia, Pro Vercelli, Perugia e Cittadella. Nei prossimi giorni tutto sarà più chiaro, prima arriverà la firma sul nuovo contratto e poi ci sarà tempo per pensare alla futura destinazione: quel che è certo è che Leonardo Candellone ha convinto il Torino, che nell’imminente futuro ha deciso di puntare – anche – su di lui.

Leave a Response