Mattia Perin: il momento è arrivato, sarà lui l’erede di Buffon?

mattia-perin

Gli inizi e la consacrazione

Mattia Perin inizia la sua carriera di portiere nella Pro Cisterna, società dilettantistica a nord di Latina, fino al 2006 quando passa nel settore giovanili della Pistoiese finendo in squadra con ragazzi più grandi di un anno. Nel 2008 lo acquista il Genoa per la formazione primavera anche se Mattia ha “solo” 16 anni e addirittura facendogli respirare da subito anche la prima squadra, Gasperini infatti periodicamente lo chiama per allenarsi coi grandi. Nella stagione 2009-2010 con la Primavera genoana Mattia Perin si aggiuda il titolo di categoria battendo in finale 2-1 l’Empoli e anche la Supercoppa, giocata allo stadio Luigi Ferraris, con un rotondo 5-0 al Milan. Nel frattempo cambia l’allenatore del Genoa, ma anche Davide Ballardini sembra aver fiducia nel giovane portiere, infatti lo porta in panchina alla trentasettesima giornata all’Olimpico contro la Lazio e la settimana dopo, il 22 maggio 2011, Mattia Perin esordisce in Serie A dal primo minuto in Genoa-Cesena 3-2, salvando il risultato con due grandi interventi. Il Padova, che sta costruendo una squadra per il salto nella massima serie, si interessa al portierino laziale e lo acquista in prestito nel luglio 2011. Nel club veneto Mattia Perin trova la concorrenza degli esperti Andrea Cano e Ivan Pelizzoli e parte come seconda scelta.

Il momento topico

L’esordio in Serie B é datato 1 ottobre 2011 in Empoli-Padova 2-4, complice anche l’infortunio a Pelizzoli, mantenendo la titolarità fino a metà dicembre, “rubando” di nuovo il posto all’ex atalantino nel marzo 2012 nella vittoria di Brescia e tenerlo fino a fine torneo. In questa seconda parte di stagione i gol subiti da Mattia Perin sono tanti, anche per un calo del rendimento di tutta la squadra che manca clamorosamente i playoff, culminati nello 0-6 interno subito dal Pescara di Zeman, bottino che però poteva essere maggiore senza le parate dell’estremo laziale. A fine annata Mattia Perin vince il “Serie B awards” come miglior portiere del campionato cadetto. Nel luglio 2012 Mattia Perin torna al Genoa e Pietro Lo Monaco, nuovo General Manager, ha intenzione di trattenerlo per giocarsi il posto con Frey, ma il successivo divorzio dell’ex dirigente del Catania con Preziosi porta il giocane portiere ad un nuovo prestito, questa volta in Serie A. Mattia Perin si trasferisce infatti al neo promosso Pescara, dove oltrettutto ritrova Ivan Pelizzoli, che in questo inizio di stagione sembra puntare su di lui; tre gare ufficiali degli abbruzzesi e tre presenze dal primo minuto per Mattia, tra cui l’esordio in Serie A il 26 agosto 2012 in Pescara-Inter 0-3. Nella  2° giornata subisce altre 3 reti dal Torino, ma para un rigore a Rolando Bianchi. Mattia Perin ha indossato le maglie di tutte le rappresentative giovanili nazionali dalla under 17 fino all’under 21 in cui la prima cap risale all’11 agosto 2011 nell’amichevole Italia-Danimarca 2-2, sostituendo Vito Mannone. Nel 2009 é stato il portiere titolare al mondiale under 17 in Nigeria con l’Italia eliminati ai quarti dalla Svizzera e nel 2010 ha partecipato, se pur come 2°, agli europei under 19 insieme tra gli altri a Destro e Borini. In occasione dell’amichevole Italia-Inghilterra 1-2, giocata a Berna il 15 agosto 2012, Cesare Prandelli ha convocato Mattia Perin nella nazionale maggiore senza però farlo farlo debuttare.

Leave a Response