Milan: un futuro societario tra slittamenti e impazienza dei tifosi

berlusconi-galliani

Le rassicurazioni di Adriano Galliani

Stavolta dovrebbe essere davvero questione di giorni o almeno questo è l’obiettivo. La settimana che inizia domani potrebbe essere la più decisiva per il futuro del Milan da qualche mese a questa parte. Nei giorni scorsi c’è stata la videoconferenza tra Yonghong Li, Han Li e i vertici Fininvest, con la quale i due cinesi hanno motivato gli ulteriori ritardi e hanno fornito ulteriori garanzie sulla solidità di Sino-Europe Sports. I 100 milioni, però, non sono ancora arrivati e prosegue l’attesa. Non c’è un ultimatum, per ora, ma tra mercoledì e giovedì Fininvest conta di avere riscontri, scrive La Gazzetta dello Sport. Finchè non ci sarà il denaro, ovviamente, non sarà firmato il contratto e non ci sarà l’ulteriore proroga fino al 7 aprile in via ufficiale. Questo significa che si proseguirà, almeno per il momento, in una situazione di stallo. Adriano Galliani è tornato a parlare nel dopo gara e ha provato a rassicurare i tifosi nel caso in cui non dovesse andare in porto il closing: “Se si andrà oltre il 7 aprile, vi assicuro che Berlusconi è in grado ugualmente di gestire il Milan”.

Tante ombre aleggiano sul futuro del Milan

Più preoccupanti, invece, le parole di Mino Raiola: “Distinguo tra cinesi del Milan e cinesi dell’Inter, sì. Quelli nerazzurri sono persone serie, li conosco e hanno un grande progetto. Quelli del Milan finora hanno fatto solo figure di m…a. Spero entrino e rilancino il club, ma non ci credo”. Detto da chi gestisce Gianluigi Donnarumma non può che far paura e i tifosi sono sempre più inquieti. Ieri a San Siro è stato distribuito un volantino da parte della Curva Sud e della Associazione Italiana Milan Club, nel quale i “tifosi stufi” annunciano la nascita di un “movimento unitario su cui daremo comunicazione, dove ogni tifoso che ama il nostro Milan dovrà partecipare e chiedere la cosa che preme di più di tutte: chiarezza sul futuro del Milan!”

Leave a Response