Pio Schiavi: i colori del Napoli sempre nel cuore

pio-schiavi

Una destinazione ambita da sempre

Inizia la sua carriera nello Sporting Vietri, squadra della sua città d’origine (Vietri appunto), in cui milita fino all’età di 10 anni. Seconda tappa del suo percorso di crescita, l’A.S.D New Maryrosy a Salerno, dove Pio disputa un campionato con la selezione “mini giovanissimi”. Le prestazioni messe in mostra in questo periodo, attirano le attenzioni degli osservatori di molti club importanti, tra i quali quelli della Juve Stabia, i quali decidono di portare, uno Schiavi all’epoca 13enne, a Castellammare, per fargli vestire la maglia delle VespeLe ottime prestazioni con la nuova maglia, portano il ragazzo, nella stagione 14/15, a compiere il grande salto. Pio, infatti, si sposta circa 40 km più a nord di Castellammare, per approdare al Napoli. La strada della squadra partenopea per aggiudicarsi il talento classe ’98 non fu priva di “insidie”, in quanto sul ragazzo si erano fiondati anche altri top club come Roma e Juventus. Dapprima, il ragazzo viene inserito nella selezione degli Allievi Nazionali, per poi passare nella stagione 15/16 nella rosa ufficiale della Primavera. Dotato di una buona tecnica, fa degli anticipi la sua arma migliore. Ha il carisma da leader capace, dunque, di dettare i tempi della difesa partenopea. Ottimo il suo ruolino di marcia con la maglia azzurra. Il suo score fino a questo momento con la Primavera partenopea parla di oltre 60 presenze e 3 reti segnate dal 2015 ad oggi.

È soltanto l’inizio

Ma è nella stagione attuale che Pio si sta ritagliando un ruolo di attore protagonista nella rosa di mister Beoni, con 9 partite giocate su 9 giornate, ottime prestazioni e soltanto 14′ saltati sugli 810 totali. Negli ultimi mesi il Napoli sembra la realtà più interessata a Pio Schiavi, che ha confermato le sue qualità anche giocando sotto età negli Allievi Nazionali serie A e B. Pio è stato il baluardo in difesa di una squadra che ha chiuso il girone C al sesto posto, a poche lunghezze di distanza dal Pescara che si è qualificato per i play-off e davanti al Napoli. Pio è riuscito a farsi rispettare anche in una categoria più difficile, è migliorato molto nella conoscenza dei movimenti difensivi riuscendo a comandare la difesa anche negli Allievi Nazionali. E’ cresciuto anche sotto il profilo della personalità, manca ancora il completo sviluppo fisico. Pio spera di seguire le orme di suo cugino Raffaele che alla sua età poteva vantare addirittura meno centimetri e muscoli. Raffaele gioca in serie B al Pescara, Pio spera d’inseguirlo e chissà magari anche superarlo. Per continuare la tradizione e tenere la famiglia Schiavi nella posizione più congeniale, al centro delle difese.

Leave a Response